VMware vCenter Converter - Suggerimenti incredibili per te

VMware vCenter Converter si riferisce a un programma vitale per vari amministratori VMware, che viene fornito gratuitamente. Anche dopo tanti anni di conversione da fisica a virtuale (P2V) in varie aziende sono finite.

Tuttavia, ci sono macchine da riconfigurare o convertire, poiché il programma può persino ridimensionare e ottimizzare i dischi e il layout. VMware vCenter Converter non esegue solo conversioni P2V ma anche V2V (da virtuale a virtuale).

La migrazione V2V potrebbe essere interessante mentre si parla di ridimensionamento, ottimizzazione o migrazione. È possibile utilizzare varie utilità software disponibili per le attività di ridimensionamento V2V, P2V o disco.

Tuttavia, l'uso di questo strumento di conversione è consigliato in diversi casi, il che è abbastanza semplice.

L'altro componente del lavoro V2V o P2V potrebbe essere uno stato in cui gli utenti desiderano recuperare uno spazio morto all'interno di un disco sottoposto a provisioning o ridimensionare un disco virtuale. Si può farlo con l'aiuto di VMware vCenter Converter.

Inoltre, puoi usarlo per ridimensionare il disco della macchina virtuale di destinazione e anche per ottimizzarne il layout. Questo prodotto è cresciuto nel corso di alcuni anni e l'azienda mantiene attivamente il prodotto.

Tuttavia, ci sono sicuramente delle buone pratiche per utilizzarlo e anche per massimizzarne i benefici. Quindi, ecco alcuni suggerimenti che potrebbero essere utili in questo senso!

PS: qui, imparerai di più come scaricare Notepad ++ per Mac nonché Hypervisor VMware vSphere.

Suggerimenti incredibili per l'utilizzo di VMware vCenter Converter

VMware vCenter Converter è un programma gratuito, presente sul mercato da un po' di tempo. Se hai già lavorato con i prodotti VMware, c'è una buona possibilità che tu abbia già utilizzato questo strumento.

Inoltre, eseguirai lo strumento senza problemi quando si tratta di migrazione. Ecco alcuni suggerimenti principali che puoi utilizzare durante l'utilizzo di VMware vCenter Converter!

Inoltre, scopri di più sui potenti Convertitore VMware P2V.

1. Disinstallare software non necessario

Quando scegli P2V, in precedenza disinstalla il software che non utilizzeresti più sul computer una volta che è diventato una macchina virtuale. Potrebbe essere il monitoraggio del software associato al server fisico, alla diagnostica o a qualsiasi altro software.

2. Disabilitare i servizi

Pertanto, potrebbero esserci servizi che gli utenti desiderano disabilitare, come i servizi associati alle attività del disco. Questo perché questi servizi rallentano il tuo processo di conversione.

Inoltre, se non si disabilitano i server, causando l'attività del disco, è possibile che la migrazione non venga completata o richieda più tempo.

3. Scegli i dischi che desideri modificare e le dimensioni esatte

Durante la procedura guidata che gli utenti hanno avviato prima della procedura di conversione, hai la possibilità di scegliere i dischi che desideri convertire e le dimensioni corrette.

4. Vai con l'ultima versione

Occasionalmente, VMware continua ad aggiornare questo programma. Se hai l'ultima versione, sarai in grado di goderne le funzionalità avanzate. Quindi, nel caso in cui si riscontri un problema durante la migrazione, può essere risolto semplicemente aggiornando lo strumento.

5. Esegui il downgrade della versione della VM

Il downgrade della versione è possibile tramite VMware vCenter Converter all'interno del flusso di lavoro.

Se hai ottenuto una macchina virtuale dallo sviluppatore del software stesso o da qualsiasi azienda esterna e quella VM è salvata nel formato recente secondo l'impostazione VMware vSphere esistente, la VM non verrà eseguita.

In quella situazione, devi prima eseguire il downgrade dell'hardware della macchina virtuale. È possibile eseguire questa attività utilizzando la procedura di riconfigurazione V2V.

6. Utilizzare l'opzione "Connetti a un altro server".

L'opzione 'Connettiti a un altro server' consente agli utenti di unirsi a un altro server in remoto. Gestisce anche le attività che il nodo sta eseguendo. Supponiamo di avere molte funzioni di conversione da eseguire.

In tal caso, anziché utilizzare singoli nodi o singole macchine per ogni attività di conversione, è possibile eseguire diverse operazioni di conversione in parallelo.

Utilizzando VMware vCenter Converter, gli utenti possono creare diversi nodi server ed eseguire più operazioni di conversione contemporaneamente.

7. Disabilitare il programma AV

Si dovrebbe interrompere i servizi antivirus o disabilitare completamente il software antivirus. Alcuni software antivirus potrebbero non consentire di eseguire questa azione.

In quella situazione, è meglio disinstallarlo e reinstallare quel programma una volta che gli utenti hanno la macchina virtuale in esecuzione ben dopo la procedura di migrazione.

8. Salvare la configurazione IP

Prima dell'inizio della conversione, gli utenti potrebbero voler salvare la propria configurazione IP. quando

stanno migrando un server utilizzando un IP statico, devono riconfigurare lo stesso per DHCP. Si può eseguire “ipconfig/all>c:\ip.txt"Per salvare la configurazione IP in un documento sull'unità C.

9. Conoscere la password dell'amministratore locale o memorizzare nella cache le credenziali di Active Directory

Ti piace memorizzare nella cache le credenziali di Active Directory mentre esegui la migrazione; il nuovo sistema formerà nuove schede di rete.

Pertanto, non sarai in grado di collegarti online per accedere al dominio. Sarà davvero di aiuto se hai a portata di mano l'account dell'amministratore locale.

10. Operazioni post-conversione

Ci sono alcune attività che devi eseguire anche dopo la migrazione. Tuttavia, è possibile eliminarli, ma queste attività aiutano a ottenere le migliori prestazioni. Quindi, ti piacerà sicuramente controllare quelle operazioni.

  • Se stai convertendo un sistema operativo molto vecchio come NT4e, Windows, dovresti prima avviare la macchina virtuale in modalità protetta.
  • Se non lo si è ancora fatto prima della modifica, gli utenti devono disinstallare i programmi di gestione RAID, il software di gestione, il team di rete, i driver audio e video e il software di gestione della scheda wireless. Ora, riavvia in modalità normale e non iniziare se richiesto dal programma disinstallato, consente agli utenti di terminare tutto il processo di disinstallazione.
  • Sbarazzati di tutto l'hardware virtuale inutile.

11. Elimina "Dispositivi fantasma"

I dispositivi fantasma sono quei dispositivi che non sono visibili nel gestore del sistema (solo macchine virtuali Windows), ma sono entrati durante la procedura di conversione. Potrebbero essere determinate schede RAID o qualsiasi hardware, che non è utilizzato o richiesto in una macchina virtuale.

Sulla tua macchina virtuale, visita il 'Iniziascheda e quindi toccare 'Correre'e premi'Enter.' Dopo questo, è necessario digitare il comando 'set devmgr_show_nonpresent_devices=1'. Quindi, aprire Gestione dispositivi. Quindi, fai clic su "View.' Al termine, è necessario selezionare "Mostra dispositivi nascosti. '

12. Impiegare le schede di rete VMXNET 3

Successivamente a P2V, è necessario assicurarsi che la macchina virtuale sia organizzata con NIC VMXNET 3 e non E1000 per prestazioni migliori. Queste schede di rete sono quelle recenti e sono note come schede di rete paravirtualizzate.

Si comportano molto bene e sono virtualmente le schede di rete più avanzate. Questo tipo di scheda di rete offre supporto clienti multi-coda, consegna di interject MSI/MSI-X e offload IPv6.

13. Utilizzare l'installazione locale

Quando la conversione fallisce senza alcun motivo, puoi installare questo software di conversione sullo schermo. Gli utenti potrebbero dover affrontare inattività di rete tra il lavoratore e il server o problemi di migrazione. In tal caso, l'installazione locale sarà di aiuto.

Quindi, installa il software localmente e inserisci i bit presenti nell'host ESXi o nell'infrastruttura virtuale.

14. Sbarazzarsi del programma specifico del fornitore

Ora, svolgi la tua due diligence e lavora sulla tua immagine. Non è necessario mantenere la posta indesiderata sul tuo profilo. Quindi, è meglio sbarazzarsi del software specifico del fornitore.

15. Ridurre le dimensioni del disco

Anche l'assegnazione dei diritti alla macchina virtuale fa parte del processo di conversione. La maggior parte dei server fisici sono più grandi, motivo comune per spostarli su macchine virtuali. In tal caso, puoi ridurre la memoria, l'ingombro della CPU e il disco ogni volta che puoi.

16. Disabilita SSL

Se ti è permesso farlo, puoi disabilitare SSL per velocizzare i trasferimenti. Accelererà drasticamente le migrazioni perché i dati migrati non sarebbero crittografati. Se le politiche aziendali lo consentono, risparmierai molto tempo disattivando SSL.

Quindi, questi sono stati alcuni suggerimenti significativi relativi a vCenter Converter, che è uno strumento straordinario. Se segui i suggerimenti sopra menzionati, puoi goderti migrazioni di successo.

VMware vCenter Converter offre una lunga cronologia, che aiuta nella risoluzione dei problemi in caso di problemi. Ci sono molti problemi già documentati negli articoli e nei forum di VMware KB. Assicurati di controllare questi articoli.

Quindi, buona esperienza con questo impressionante convertitore! Ora non aspettare più e ottieni la migliore esperienza di migrazione utilizzando VMware vCenter Converter. Installa subito il programma senza spendere un po '!

Jack

Dieci anni di esperienza nell'informatica e nell'informatica. Appassionato di dispositivi elettronici, smartphone, computer e tecnologia moderna.